Ecco il vetro che si autoripara

Ecco il vetro che si autoripara

Le scoperte migliori avvengono quasi sempre per caso. È successo così anche in Giappone dove un ricercatore ha sviluppato, premendo accidentalmente dei frammenti l’uno sull’altro, il primo vetro in grado di auto-ripararsi.

Il vetro in questione è stato portato alla luce da Yu Yanagisawa, ricercatore presso l’Università di Tokyo, e ha origine naturale al 100%. “Si può creare del vetro con delle sostanze naturali, e la resina acrilica è una di queste” ha detto Yanagisawa. “Nel mio progetto uso una specie di vetro fatto di resina. Per esempio, c’è stato un recente incidente nel quale alcune parti di acciaio di un treno Shinkansen super express si sono spezzate. Fratture simili avvengono per l’accumulo di stress. Caratteristica di questo materiale è che non accumula simili stress e un’altra caratteristica che si ripara da solo unendo i pezzi rotti insieme quasi in modo perfetto”.

Una scoperta interessante che potrebbe aprire la strada per nuove applicazioni. Pensate a quegli oggetti il cui vetro è soggetto a frequenti rotture: dallo schermo dello smartphone ai finestrini delle auto. Il futuro sta arrivando.

DA VETRAI ITALIANI

Eterma nasce dall'esperienza di Eurovetro, una delle più grandi vetrerie italiane. Da 30 anni, Eurovetro è un punto di riferimento in campo vetraio per ricerca, innovazione e qualità dei prodotti.


Scopri di più
Eterma è un marchio di Eurovetro srl
  • Via Carroccello 16 - 88050 Sellia Marina (CZ)
  • +39 0961 964909